martedì 14 marzo 2017

Le braci di Galdar-Mesh, capp. V e VI (finale)


Raggiunsero un ampio chiostro. L’aria era satura dei vapori d’incenso che esalavano dai bracieri. Un silenzio innaturale era calato sui corridoi. Ullr depose la donna e il mercenario svenuto. Dal fodero di quest’ultimo rimosse la scimitarra, ne piegò senza sforzo la lama di acciaio e la gettò lontano.
«Molte terre io ha viaggiato», disse Jin BaoBao, quando ebbe ripreso fiato. «Ma mai prima di oggi ha incontrato grumo così maleducato.»
«Mbof», confermò Ullr, sfregandosi con la mano grossa come un badile il sudore dalla fronte.
La donna li guardava, li studiava, in silenzio.
«Tu sta bene?» le domandò Jin BaoBao.
Lei rispose con un cenno del capo.
«Molto bene. Allora noi prende venerabile teppista e toglie disturbo. Noi consiglia di stare lontano di grumo. Grazie e arrivederci.»
«Aspettate» esclamò lei. «Non potete andarvene così.»
Jin BaoBao e Ullr si scambiarono uno sguardo perplesso. «Perché no?»
«Io... ho bisogno di aiuto.»
«A questo mondo tutti bisogno di qualcosa. Poveri bisogno di soldi. Ricchi bisogno di salute. Io bisogno di cumino per zuppa di cena. Ma cumino finito. Vita amara. Arrivederci.»
«Voi non capite! La creatura che ci ha assaliti prima è... il mio sposo.»
Jin BaoBao e Ullr si scambiarono un ulteriore sguardo perplesso. «Tu moglie di grumo?»
«Sì. Cioè no. Quando ci siamo sposati non era un... grumo» la donna trasse un profondo sospiro. «Era il principe di Taif.»
«Tu dice: prima principe, poi sposato e diventato grumo?»
«Sì.»
Anche Jin BaoBao trasse un profondo sospiro. «Sempre detto io che matrimonio non fa bene di salute.»
«Non è stato il matrimonio. È stato Shakalaka DOOOM!»
«Shakalaka Doom?»
«No, Shakalaka DOOOM!»
«Va bene. Non urlare.»
«Ha stretto un patto come demoni antichi per sottomettere Nebotep.»
«Chi è Nebotep?»
«Il principe.»
«Cioè il grumo?»
«Sì. Cioè no. Insomma! Il mio nome è Neperura, moglie di Nebotep, legittimo sovrano di Taif. Shakalaka DOOOM era il ministro del tempio di Ishkibal. Sarebbe stato anche reggente al trono, fino a quando Nebotep non avesse raggiunto l’età per governare. Un brutto giorno il principe si ammalò di un morbo sconosciuto. Shakalaka DOOOM si offrì di curarlo, ma ciò che fece realmente fu sperimentare su di lui le arti blasfeme che aveva appreso dai demoni di cui da tempo era divenuto discepolo. Con la scusa del pericolo di contagio, egli tenne il principe prigioniero nelle segrete del tempio, torturandolo e cambiandolo secondo il suo gusto perverso. Quando ho scoperto la verità, sono corsa in cerca di aiuto. Ma nessuno in città vuole darmi ascolto, hanno troppa paura della magia di Shakalaka DOOOM. Anche i soldati obbediscono a ogni suo ordine. Quando hanno scoperto dove mi nascondevo, sono fuggita nel deserto. Lì ho trovato quell’uomo e il suo compare; dovevano aiutarmi a liberare il mio sposo, ma...» La giovane represse un singhiozzo. «Non oso immaginare cosa possa avergli fatto Shakalaka DOOOM per ridurlo a ciò che è ora.»
«Non male questa frittella di pancetta e noce moscata». Presso uno dei bracieri, Jin BaoBao abbrustoliva due sfoglie di riso direttamente sui tizzoni. «Ma ci vuole più pepe. Molto più pepe di così». E continuava a speziare le frittelle spargendo grani macinati ovunque, fino a svuotare la pepaiola.
«Ma mi state ascoltando!?»
«Io prepara colazione, notte movimentata mette appetito. Tu vuole un po’?»
«Dovete aiutarmi!» disse la giovane, all’apice dell’esasperazione. «Shakalaka DOOOM è un uomo spietato. E pericoloso. La sua ambizione non si placherà con la città di Taif. Deve essere fermato.»
«Venerabile moglie di grumo», disse Jin BaoBao. «Temo che fra noi c’è malinteso. Noi molto dispiaciuti per tuo marito grumo e tuo visir briccone. Ma noi venuti qui solo per pagamento di danni alla locanda.»
«Locanda? Che locanda?»
«Locanda di mio amico Ullr. Piccolo locale, ma di buona birra e cucina ottima (infatti cuoco è io)». Jin BaoBao fece un cerimonioso gesto di modestia. «Durante stagione di cavolo rosso, venerabili teppisti viene a locanda di Ullr a mangiare di grasso e bere di forte. Più forte loro beve, più forte loro parla; così disturba altro cliente gentile che chiede di fare un po’ più piano per favore. Allora venerabili teppisti rompe sedia su schiena di cliente gentile. Tu sa come va questa cosa. Presto tutti rompe cose su tutti altri, fino a che non c’è più nulla di piccola locanda di Ullr. Quando rissa finisce, teppisti spariti. Allora noi fa elenco di cose rotte e parte per viaggio di cercare venerabili teppisti. Questo era di sedici lune fa.»
«Insomma è una questione di soldi». Neperura estrasse dalle pieghe della veste un rubino grosso come un’albicocca matura. «Prendete, è vostro. L’intero tesoro di Taif sarà vostro, se mi aiuterete a fermare Shakalaka DOOOM.»
Jin BaoBao fece un inchino affettato. «Molto grazie, ma non è tu che ha rotto cose di locanda. Noi non può accettare.»
«Avete paura?»
«Un po’ anche quello, sì.»
«Vi prego!» Neperura si inginocchiò davanti ai due uomini, premette la fronte contro il pavimento gelido del cortile. «Shakalaka DOOOM mi ha portato via tutto quello che avevo. Ha rubato il mio trono, ha trasformato il mio sposo in un mostro, tiene in pugno l’intera popolazione. Non esiterà a uccidere ogni uomo, donna e bambino di Taif per nutrire il suo potere. E quando avrà consumato tutta la città, partirà per sottomettere un nuovo regno.»
Jin BaoBao e Ullr si scambiarono un ultimo sguardo perplesso. «Tu cosa pensa, Ullr?»
«Mbof.»
«Quello che pensava anche io». Jin BaoBao sorrise e si inchinò. «Molta fortuna per vostro popolo, venerabile moglie di grumo. Piacere di avere conosciuto. Andiamo, Ullr.»
«Altolà, imbecille!»
Non Neperura, ma una voce di uomo aveva impartito il comando. Bastò il suono di quelle parole perché Ullr si immobilizzasse con una sollecitudine sorprendente, persino innaturale. Dalla penombra del corridoio era emersa una figura ammantata di porpora e oro, il cui capo era cinto da un diadema di onice adornato dall’effige di un marabù ad ali spiegate.
«Che succede, Ullr? Tu non sta bene?»
Ullr non rispose. Guardava fisso in avanti, i muscoli contratti, paralizzato nella suggestione di un movimento.
«Il vostro amico non farà una mossa fino a che non sarò io a volerlo», disse l’uomo col diadema, beffardo. «Oggi ho già fatto un buon pasto, ma rimane ancora un poco di spazio per il dessert. Vediamo, da chi potrei cominciare... Forse da quello grosso e succulento? O dal piccoletto con i baffi? Oppure», le pupille vitree guizzarono nel cavo dell’orbita, roteando come occhi di lucertola. «Oppure potrei cominciare dalla principessa». Nella voce dello stregone risuonò una nota di scherno. «So che avete già incontrato vostro fratello. Mi auguro che l’affetto fra di voi non sia stato mutato dal suo nuovo... aspetto.»
La rabbia e l’odio nello sguardo che Neperura restituì al ministro traditore erano decuplicati dalla consapevolezza della propria impotenza.
«Fratello?» s’intromise Jin BaoBao. «Non aveva detto marito?»
«Mai detto marito», disse la giovane. «Sempre fratello.»
«Io è sicuro di avere sentito marito.»
L’uomo del nord si mosse. Non di molto, invero: tutto ciò che gli riuscì fu serrare un pugno, tentare l’inizio di un passo.
«Ho detto fermo tu!»
Lo stregone Shakalaka DOOOM avanzò verso il centro del cortile, il braccio levato in un gesto mistico di comando. Il passo di Ullr dovette interrompersi, il pugno si congelò a mezz’aria. Un tremito attraversò la muscolatura del collo, la folta peluria del volto gemmava di sudore.
«Sembra che magia si sta indebolendo», disse Jin BaoBao, con una specie di cordialità. «Io conosce questo genere di ricetta. Tu sbaglia tutto. Tu prende anima di sofferente. Anima di sofferente stopposa, poco nutriente. Tu deve prendere anima felice se tu vuole gustare aroma pieno e memorabile. Come maiale con fungo nero e bambù. Se maiale morto triste, rovina tutto sapore.»
Shakalaka DOOOM tacque, e per un momento il suo silenzio parve nascondere un dubbio, forse persino un turbamento. Ma presto proruppe in una risata infernale: «Che importa! L’anima dei mortali non è che alimento per Colui che Eternamente Vive. Il popolo di Taif esiste per nutrire gli appetiti insaziabili di Galdar-Mesh. Quando avrà compiuto il suo destino, non dovrò fare altro che spostarmi nella prossima città... o nel prossimo impero? Presto sarò abbastanza potente da possedere tutte le anime di cui ho bisogno, e nutrire la potenza di Galdar-Mesh che attraverso me si manifesta – per sempre.»
Mentre lo stregone parlava in questo modo, Huzziya riprendeva i sensi. Non ricordava da dove venisse il sangue raggrumato sul suo labbro, e gli parve di sentirsi il naso più piatto del solito: ma l’imminenza del pericolo lo riportò presto al presente. Cercò la scimitarra al proprio fianco, e sbalordì quando la ritrovò piegata dall’altra parte del chiostro. Ciò lo dissuase definitivamente dal proposito di ingaggiar battaglia. Invece, approfittando del fatto che nessuno si curava di lui, cominciò pian piano a strisciare in direzione del corridoio.
«Dove pensi di andare tu?»
La voce di Shakalaka DOOOM corse come veleno nelle vene del mercenario. Trovandosi scoperto, Huzziya balzò in piedi e si precipitò verso l’uscita.
Non vide così la sua stessa scimitarra sollevarsi da terra e raddrizzarsi, come per opera di poderose mani invisibili, né la udì sfrecciare a mezz’aria in risposta a un breve gesto dell’incantatore; ma riconobbe il colore del sangue gocciolare dalla lama che gli attraversò il petto un attimo dopo. L’ultima espressione che ebbero i suoi occhi prima di spegnersi fu di sincera meraviglia.
Shakalaka DOOOM levò le palme al cielo. «Nessuna anima va sprecata!» proclamò. La sua voce cambiò in una cantilena atona, che richiamava potenze immonde dagli abissi più remoti dello spazio e del tempo.
Shaä nāqba kmûru ïna qereb lïbbï āliïm...
Il corpo che era stato di Huzziya annerì e si contorse come pergamena sulla fiamma; un vapore evanescente si levò dalla gola e dal vuoto delle orbite. Ravvivarono le braci nei bracieri, eccitate da un vento innaturale, e l’odore di incensi e carne bruciata crebbe in intensità, e spirali di nebbia si mischiarono ai vapori che erano l’anima dell’avventuriero. Quando la nenia cessò, Shakalaka DOOOM si preparò ad accogliere l’essenza vitale della sua ultima vittima nelle proprie narici.
Non aveva risucchiato che un piccolo batuffolo vaporoso quando un colpo di tosse lo costrinse a prendere una pausa.
Poi un altro.
E un altro.
Più si sforzava di aspirare, più i singulti gli squassavano il petto – e starnuti, sempre più frequenti, sempre più forti.
«Chi è sta—CUOOOGH!» tossì. «Chi diavolo ha messo del... COFF COFF... pepe nei miei bracie—e—eee—ETCIUUUM!»
«Venerabile usurpatore vuole scusare il suo indegno servitore; io voleva solo insaporire un po’ la focaccia di spuntino. Ecco, ora io aiuta a pulire faccia con pomata che fa passare bruciore.»
«AAAAAAAAH I MIEI OCCHI.»
«Ops, quest’uomo senza talenti chiede perdono. Era salsa di rafano piccante.»
«IL DOLORE È INSOPPORTABILEEEEEH!»
«Venerabile usurpatore vede che tutto passa se respira questi sali corroboranti.»
«STAI LONTANO DA MEEEEEEEEH!»
«Ah no, era essenza di peperoncino soffio di drago. Molto gustoso ma molto forte, sì.»
In qualche modo Shakalaka DOOOM raggiunse la vasca davanti all’altare; a mani piene raccolse il sangue sul fondo e lo usò per sciacquarsi la faccia. Quando si rialzò, il suo volto era una maschera di odio e cruore: «Ora pagherete per il vostro affroNGH—»
Lentamente, molto lentamente, Ullr aveva lottato contro il nodo psichico che lo tratteneva fino a spezzarlo, e lentamente, molto lentamente, le sue nocche nodose avevano raggiunto lo zigomo di Shakalaka DOOOM. L’impatto aveva impresso al collo dello stregone una rotazione di cento e ottanta gradi, o comunque abbastanza da polverizzare le vertebre superiori. Il corpo di Shakalaka DOOOM fu sollevato dal suolo e piroettò fino all’imboccatura del medesimo corridoio da cui era poc’anzi emerso. Ullr, di nuovo padrone dei propri movimenti, si sgranchì le spalle, preparandosi a rincarare la dose. Ma lo stregone aveva già cessato di muoversi.
«Tu è diventato lento, vecchio mio», disse Jin BaoBao. «Ai vecchi tempi tu picchiava venerabile usurpatore molto tempo fa.»
«Mbof», ammise Ullr, mentre aiutava Neperura a rialzarsi. Il viso della giovane era contratto in una smorfia sbigottita, che attendeva solo di distendersi in un sorriso di sollievo. A lungo ringraziò i due stranieri, promettendo onori infiniti e generose ricompense. Quando tornò a rivolgersi al corpo di Shakalaka DOOOM, tuttavia, il sollievo si tramutò in orrore.
Lo stregone si era rialzato. Come il falegname incastra la testa del manichino, così egli raddrizzava il proprio capo sulle spalle. Gli occhi di vetro si dischiusero, le labbra si contrassero in un ghigno beffardo. «Stolti! Ci vuole altro per sottomettere la potenza di Colui che Eternamente Vive». Shakalaka DOOOM fece un gesto di minaccia; istintivamente Neperura tentò di ripararsi con un braccio, salvo scoprire che il suo corpo non le obbediva. Con la coda dell’occhio cercò gli stranieri, e il sangue le gelò nelle vene appena capì che essi pure erano paralizzati dalla magia di Shakalaka DOOOM. Quando si rivolse di nuovo a Shakalaka DOOOM, ciò che vide la lasciò completamente sconvolta.
«Come dicevo poc’anzi, ora pagherete per la vostra insolenza», disse con calma lo stregone. E per l’ultima volta l’aria si riempì della cantilena infernale:
Shaä nāqba kmûru inAGHA—!
Non era stata la resurrezione di Shakalaka DOOOM a sconvolgere la regina Neperura; o non solo. Dall’oscurità del corridoio era emerso un tentacolo, presto seguito dal corpo immondo delle bestia strisciante. Lo stregone ebbe appena il tempo di pronunciare un’esclamazione sacrilega, forse il principio di un nuovo sortilegio, prima che un’appendice abominevole lo avviluppasse per i fianchi. Poi un fluido putrescente gli colmò la gola, ed egli stesso sprofondò nella pozza di informe carne gorgogliante che era il corpo della creatura del caos. L’orrido banchetto produsse sulla creatura un effetto sconcertante. Come se una lotta micidiale avesse luogo all’interno del suo corpo, la bestia emise un suono lacerante, dilatandosi e comprimendosi in modo sempre più inarticolato. Un boato salì dal suolo, come se al lamento dell’essere immondo avesse risposto il grido primordiale che era la rabbia di Galdar-Mesh, il dio deforme e insaziabile che eternamente divora il proprio fegato nelle viscere della terra. Caddero blocchi di pietra e marmo; caddero le colonne. Insieme alla magia di Shakalaka DOOOM collassava il tempio intero, mentre il ciclo furioso della mutazioni del caos senza nome non accennava a placarsi.
«Io suggerisce che noi toglie disturbo», disse Jin BaoBao, quando fu di nuovo padrone dei propri movimenti.
«Mbof», approvò Ullr.
«Ma non possiamo lasciarlo qui», protestò Neperura. «È mio fratello!»
«Se moglie grumo vuole rimanere, noi non insiste. Arrivederci.»
Con un rapido inchino Jin BaoBao balzò oltre una breccia nel muro. Ullr lo seguì, ma prima di sparire nell’ombra rivolse un’ultima esortazione alla principessa, che fissava con disperazione il corpo mutevole della bestia, creato dal potere di un demonio immortale, e che di un demonio dalle fattezze umane tentava ora di nutrirsi. Volti innumerevoli galleggiavano sulla massa di caos furibondo; fra questi uno indugiò più a lungo. Un viso giovane e bello, segnato da un’infinita malinconia. Non una richiesta di aiuto fu ciò che la principessa trovò nell’ultimo sguardo che il giovane le rivolse, prima di essere nuovamente inghiottito, ma un addio.
Neperura volse le spalle e corse oltre la breccia.

6.

Il grasso gocciolava copioso dal trancio sulla griglia. L’aria si riempì dell’odore di carne rosolata, che si mescolava a un aroma pungente ed esotico.
«Frittella con pancetta, noce moscata e pepe nero. Nuova ricetta, gustosa e delicata.»
Jin BaoBao servì la frittella su un piatto di legno, guarnito con bacche di mirto e foglie di salvia impanate, mentre Ullr spillava da una botte un generoso boccale di cervogia bruna.
«Mbof», spiegò.
L’avventore al bancone svuotò in un attimo piatto e boccale.
«Fenomenale», disse, con la bocca ancora piena e i baffi umidi di schiuma. «Il vostro chiosco è il migliore di tutta Hellgard. Tornerò spesso.»
«Vostro servitore senza talenti è indegno di tanta stima, ma felice di rivedere ancora voi. Porta tanti amici e buona vita.»
L’avventore lasciò una lauta mancia e se ne andò in un tripudio di festose flatulenze. Ullr ritirò piatto e boccale e li sciacquò in un tino di acqua torbida.
«Aprire chiosco di frittelle in capitale è stata grande idea, amico mio», disse Jin BaoBao, scolando il grasso liquefatto dalla griglia. «Se continua così, noi presto può riaprire piccola locanda. Poi grande locanda. Poi catena di locande. Io ha grandi progetti.»
«Mbof.»
«Sì, meglio non correre troppo. Bisogna stare attenti a cliente che facciamo entrare. Noi non vuole altra rissa». Jin BaoBao si arrotolò un baffo sottile, mentre il sole concludeva la sua parabola oltre i colli occidentali. «Noi dovrebbe mandare piccolo regalo a venerabile moglie di grumo. Quando perso rimborso di teppisti, lei stata molto gentile a finanziare nuovo chiosco. Insistito tanto che dovuto accettare. Ora che lei è regina di Taif, tutto va bene. Non pensi anche tu, Ullr?»
«Mbof.»
«In effetti, anche io ha stessa sensazione. Come di avere dimenticato cosa molto importante. Ma proprio non riesce a ricordare cosa.»
«Scusate», disse una voce. «Mi hanno detto che fate una buona offerta su birra e frittelle». Un uomo con un cappuccio sdrucito e il mantello tutto una toppa si era seduto al banco del chiosco; sul viso cresceva una barbetta ispida e rada.
«Voi dice bene», rispose Jin BaoBao, cordiale. «Noi offre sgabello e tu paga buona birra e frittelle.»
L’uomo sorrise e mise sul banco una moneta; presto il grasso ricominciò a colare, la birra a spillare, e fu la fine di un’altra buona giornata nella città di Hellgard. Intanto, a molte miglia di distanza, una rivoltante massa di carne amorfa, divenuta ciclopica per le innumerevoli creature assimilate, strisciava sulle sabbie del deserto e lentamente, molto lentamente, si avvicinava.


FINE (per ora)

1 commento:

  1. Complimenti ragazzi, letto tutto d'un fiato. Godibilissimo e ben scritto, comprerò presto i vostri libri :)

    RispondiElimina